Chi siamo - Foto - Rassegna stampa - Segnalibri d'autore - Piccole storie d'amore (per i libri) - I ns amici - Contatti


Piccole storie d'amore (per i libri) - "I libri, una piccola anticipazione di immortalita'"

'"Una volta Valentino Bompiani aveva fatto circolare un motto: Un uomo che legge ne vale due. Detto da un editore potrebbe essere inteso solo come uno slogan indovinato, ma io penso significhi che la scrittura (in generale il linguaggio) allunga la vita. Sin dai tempi in cui la specie incominciava a emettere i suoi primi suoni significativi, le famiglie e le tribu' hanno avuto bisogno dei vecchi. Forse prima non servivano e venivano buttati quando non erano piu' buoni per la caccia. Ma con il linguaggio i vecchi sono diventati la memoria della specie: si sedevano nella caverna, attorno al fuoco, e raccontavano quello che era accaduto (o si diceva fosse accaduto, ecco la funzione dei miti) prima che i giovani fossero nati. Prima che si iniziasse a coltivare questa memoria sociale, l'uomo nasceva senza esperienza, non faceva in tempo a farsela, e moriva. Dopo, un giovane di vent'anni era come se ne avesse vissuti cinquemila. I fatti accaduti prima di lui, e quello che avevano imparato gli anziani, entravano a far parte della sua memoria.
Oggi i libri sono i nostri vecchi. Non ce ne rendiamo conto, ma la nostra ricchezza rispetto all'analfabeta (o di chi, alfabeta, non legge) e' che lui sta vivendo e vivra' solo la sua vita e noi ne abbiamo vissuto moltissime. Ricordiamo, insieme ai nostri giochi d'infanzia, quelli di Proust, abbiamo spasimato per il nostro amore ma anche per quello di Priamo e Tisbe, abbiamo assimilato qualcosa della saggezza di Solone, abbiamo rabbrividito per certe notti di vento a Sant'Elena e ci ripetiamo, alla fine della fiaba che ci ha raccontato la nonna, quella che aveva raccontato Sheherazade.
A qualcuno tutto questo da' l'impressione che, appena nati, noi siamo gia' insopportabilmente anziani. Ma e' piu' decrepito l'analfabeta (di origine o di ritorno), che patisce arteriosclerosi sin da bambino, e non ricorda (perche' non sa) che cosa sia accaduto alle Idi di Marzo. Naturalmente potremmo ricordare anche menzogne, ma leggere aiuta anche a discriminare. Non conoscendo i torti degli altri l'analfabeta non conosce neppure i propri diritti.
Il libro e' un'assicurazione sulla vita, una piccola anticipazione di immortalita'. All'indietro (ahime') anziche' in avanti. Ma non si puo' avere tutto.''

Umberto Eco
Estratto da ''Perche' i libri allungano la vita'' LA BUSTINA DI MINERVA, 1991).



<<< torna indietro



Aggiungi la tua piccola piccola storia - Clicca qui!




www.libreriedeglionesti.it - Tutti i diritti riservati - Webmaster Matteo Sudano